In Italia come in altri paesi il numero di impianti fotovoltaici è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, con l’installazione di pannelli sia per uso domestico che professionale. Con l’aumento degli impianti anche la questione dello smaltimento pannelli fotovoltaici ha acquisito sempre più importanza.

Come è Fatto un Pannello Fotovoltaico?

Per capire come smaltire un impianto fotovoltaico dobbiamo prima comprendere come è composto:

un modulo fotovoltaico è un rifiuto RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche e Elettroniche), a tutti gli effetti.
Un pannello fotovoltaico e’ formato da vari strati: uno strato di fibre di vetro robuste e resistenti che riveste delle celle fotovoltaiche.
Queste celle sono a loro volta abbinate ad un materiale sintetico di plastica che funge da unione tra i vari strati.

Infine, i pannelli solari sono muniti di un involucro in metallo anodizzato che li protegge da urti e scosse e una scatola di giunzione con cavi.

Come Avviene lo Smaltimento Pannelli Fotovoltaici?

Lo smaltimento degli impianti può rendersi necessario in caso di rottura del pannello o per usura. La nostra azienda si occupa della rimozione degli impianti fotovoltaici, del trasporto e del loro smaltimento seguendo i propri clienti in ogni fase del processo.

Negli ultimi anni, l’energia prodotta grazie all’utilizzo di tecnologie cosiddette fotovoltaiche è aumentata in maniera a dir poco esponenziale. Nella maggior parte dei casi, questa richiesta viene soddisfatta ricorrendo all’utilizzo di particolari moduli solari che vengono realizzati con, tra le altre cose, il silicio. A tale riguardo, è bene precisare che un modulo fotovoltaico non è per sempre e dunque, dopo un determinato periodo, occore provvedere allo smaltimento pannelli fotovoltaici.

In linea di massima, dopo 30 anni l’impianto dovrebbe essere smantellato e, dunque, smaltito. Ma come fare a smaltire un pannello solare?

Pannelli solari: come smaltirli correttamente?

In primo luogo, è utile precisare che in Italia sono presenti alcune aziende che si occupano proprio dello smaltimento dei pannelli solari. Queste aziende a loro volta hanno aderito a vari consorzi che hanno recepito il disciplinare relativo alla sicurezza e alla gestione dei rifiuti in questione. In questo disciplinare, come è facile immaginare, sono contenute tutte le indicazioni necessarie per smaltire in pannelli in maniera corretta. Tra le altre cose, è bene anche precisare che chi procederà con il corretto smaltimento dei pannelli solari avrà anche la possibilità di ottenere un beneficio economico notevole al momento dell’acquisto del nuovo impianto. Ovviamente, ciò dovrà essere avvalorato dalla relativa documentazione da inviare al momento dell’inoltro della richiesta.

Smaltimento pannelli fotovoltaici normativa

Cosa prevede la normativa di riferimento in merito allo smaltimento dei pannelli fotovoltaici?

In merito alla normativa di smaltimento, la prima e più importante cosa da dire riguarda il fatto che nessun pannello può essere smaltito in maniera del tutto autonoma. Al termine della vita di un pannello, dunque, non si deve fare atro che rivolgersi ai consorzi di cui sopra.

Sotto il profilo strettamente tecnico gli impianti domestici vengono inseriti nella categoria RAEE. In questo caso, lo smaltimento è a carico del produttore e dunque, il proprietario non avrà alcun genere di spesa da sostenere. Nel caso in cui, invece, si avesse a che fare con un impianto che supera i 10 kWp, si dovrà procedere con lo smaltimento a carico del proprietario.

Come si riciclano i pannelli solari e a chi ci si deve rivolgere?

I pannelli solari se non vengono smaltiti nella maniera corretta non possono essere riciclati. In questi casi, infatti, vengono classificati come semplici rifiuti industriali. Questo, però, è decisamente controproducente poiché le varie celle possono avere moltissimo ancora da offrire. Grazie alle nuove tecnologie, ad esempio, si ha la possibilità di recuperare materiali come metalli e vetro da riutilizzare per altri scopi.

I ricercatori che in questi anni si stanno occupando della questione sono moltissimi. Lo scopo di questi studi è di recuperare il più possibile e riuscire a ridurre in maniera a dir poco drastica l’inquinamento.

Come è facile intuire, si tratta di un processo ancora tutto in divenire che, però, potrebbe avere almeno in potenza notevoli prospettive. Se, com’è vero, i pannelli solari hanno rappresentato un vero e proprio salto nel futuro per quanto riguarda la produzione di energia, è altrettanto vero che oggi è necessario riuscire a smaltirli correttamente, evitando di dover fare i conti con inquinamenti di vario genere che potrebbero mettere a rischio addirittura la salute dell’uomo. 

Costi smaltimento pannelli fotovoltaici

Chi, pertanto, ha necessità di smaltire uno o più moduli non deve fare altro che rivolgersi ai consorzi competenti, specificare le proprie necessità e procedere con la prenotazione del servizio. Così facendo, eviterà di andare incontro ad ogni genere di problema e potrà smaltire i pannelli fotovoltaici in totale serenità e con la certezza di beneficiare anche del relativo incentivo economico da utilizzare al momento dell’acquisto di un nuovo impianto.

I pannelli devono essere prima smontati, trasportati verso i centri di raccolta e smaltimento, dove si procede al recupero delle materie riciclabili e allo smaltimento dei rifiuti non riciclabili. Il nostro team si occuperà, una volta eseguite le fasi operative, del processo di redigere e gestire le pratiche amministrative e burocratiche inerenti allo smaltimento e delle comunicazioni con gli enti preposti, il tutto nel rispetto della normativa vigente.

I nostri esperti qualificati si occuperanno di smontare il materiale, la parte vetrosa dovrà essere separata, il metallo che ricopre la struttura deve essere tagliato e rimosso, poi vanno disassemblati i cavi che verranno riutilizzati. Tutta la parte sintetica e di plastica va rimossa e eliminata come vengono eliminati i rifiuti di plastica che non sono biodegradabili.

Lo sapevi che: una componente importante dei moduli fotovoltaici è il silicio, questo prezioso materiale non è inquinante ne pericoloso, viene quindi recuperato per essere rimesso nel ciclo produttivo e trattato in centri di raccolta specializzati.

La differenza sta nella potenza dell’impianto, i moduli con potenza inferiore ai 10 kW sono definiti dalla legge domestici, i pannelli solari con potenza complessiva superiore o uguale a 10 kW sono definiti professionali. Si prende come valore di riferimento la potenza di picco di un impianto. 

Sia nel caso di sostituzione di pannelli, che di dismissione dei pannelli per fine durata, il responsabile privato dovrà trasmettere la comunicazione dell’avvenuto smaltimento al GSE il Gestore dei Servizi Energetici che si occupa di gestire questi impianti, certificando la consegna del rifiuto RAEE ad un centro qualificato.
Per i pannelli professionali, la struttura va comunque smaltita presso un centro di raccolta RAEE specializzato. Per i pannelli installati prima del 12 aprile 2014 il costo è a carico del proprietario dell’impianto, per tutti gli altri impianti il costo di smaltimento è a carico del produttore della struttura. Anche in caso di pannelli professionali occorre dichiarare al GSE l’avvenuto smaltimento con apposita documentazione. 

Affidati ad una Ditta Smaltimento Rifiuti Professionale!

In entrambi sia per pannelli fotovoltaici professionali che domestici occorre rivolgersi ad una ditta specializzata che sappia consigliarvi a seconda della tipologia e dell’estensione dell’impianto la soluzione migliore per la sostituzione di impianti fotovoltaici o per il loro completo smaltimento per fine vita. 
La nostra azienda si occuperà inoltre di produrre la documentazione necessaria e di coordinare le pratiche di smaltimento con il GSE.

Smaltimento Pannelli Fotovoltaici: Quanto Costa?

Per avere una stima dei prezzi di smaltimento è preferibile chiamare in azienda per un preventivo personalizzato e accurato.

Costi Smaltimento Pannelli Fotovoltaici

Calcola il costo smaltimento pannelli solari!
? IL NOSTRO SERVIZIO DI SMALTIMENTO E':​
  • Rapido
  • Sicuro
  • Conveniente
800 910144

Non è facile infatti fare una stima generale del costo dello smaltimento. Il costo medio è di circa 250 euro per una tonnellata di materiale, un impianto domestico può pesare fino a 280 kg, gli impianti professionali sono più voluminosi e la spesa sarà quindi maggiore. 

Chiudi il menu
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno 800145068