Inquinamento plastico - SostenibilitàDal 1° gennaio entrano in vigore le nuove norme internazionali che puntano a migliorare la qualità dei materiali avviati a riciclo, limitare le pratiche di smaltimento illegali e diminuire la quantità di plastiche sversate in mare.

Che cosa prevedono le nuove regole?

I paesi che vogliono esportare rifiuti di plastica devono dichiarare con più chiarezza il contenuto esatto dei carichi, indicando le tipologie di plastiche presenti. Queste informazioni devono essere messe a disposizione dei paesi riceventi prima che le spedizioni siano partite. In questo modo, questi Stati hanno la possibilità di rifiutare eventuali carichi troppo complessi da riciclare, o con materiali per il cui trattamento non sono attrezzati.

Quali sono gli effetti?

Nel complesso, il primo effetto del provvedimento globale dovrebbe essere una limitazione del fenomeno del dumping. Finora, il modus operandi era che i paesi più avanzati, dove sono in vigore norme ambientali più rigorose anche sul riciclo dei materiali e il trattamento dei rifiuti, hanno trovato più conveniente spedire certe tipologie di rifiuti a paesi terzi solitamente in via di sviluppo, con regole sulla protezione ambientale più larghe o minori controlli. Con il risultato, in buona sostanza, di trasferire l’inquinamento causato da uno smaltimento non corretto delle materie plastiche verso i paesi più poveri.
discarica.it
giovedì, 14 Gennaio, 2021